I.T.S. “E. Mattei” Decimomannu: appuntamento con l’Europa

di Alberto Nioi

Nella prima settimana di aprile l’Istituto Mattei di Decimomannu ha aperto le porte agli studenti e ai docenti di 5 scuole straniere, sue partner nel progetto Erasmus + C.H.A.N.G.E. (Collaboration to Have Abilities as New Goals of Education). Il partenariato multilaterale, finanziato dall’Unione Europea e di durata biennale (2018- 2020), ha come obiettivo lo scambio di buone prassi didattiche a beneficio di tutti gli alunni, in particolar modo di coloro che fronteggiano quotidianamente difficoltà cognitive e relazionali.

L’incontro, che fa seguito alle due precedenti mobilità avvenute nell’autunno dello scorso anno in Polonia e Turchia, ha coinvolto studenti provenienti da Grecia, Turchia, Lituania, Romania e Polonia, quest’ultima scuola capofila del progetto.

Il ricco programma di attività ha consentito di far conoscere agli ospiti alcuni aspetti della realtà locale, grazie ad escursioni e visite guidate in inglese, dell’istituto, della città di Cagliari e delle grotte Is Zuddas. La conoscenza del territorio è andata di pari passo con la conoscenza della realtà scolastica, con la predisposizione – tra le altre attività – di laboratori svolti in classe con gli alunni ospiti. Il gruppo di progetto della scuola sarda ha puntato però sulla drammatizzazione, allo scopo di favorire una socializzazione ancora più efficace e per far emergere talenti e capacità interpretative.

Nonostante le difficoltà, non ultime quelle linguistiche, in soli 5 giorni il nutrito gruppo di alunni e docenti, stranieri e italiani, divisi in 5 gruppi eterogenei, ha portato in scena sketch comici e performance canore in inglese, il tutto unito da un unico filo conduttore: il rispetto della diversità e delle regole, elementi imprescindibili per lo sviluppo del senso civico. Lo spettacolo finale ha rappresentato il coronamento di uno sforzo collettivo nonché un significativo momento di inclusione.

Il prossimo appuntamento in calendario è previsto per il mese di ottobre 2019, quando tutti i partner avranno l’opportunità di conoscere la realtà scolastica greca e le prassi educative messe in atto per garantire l’inclusione.

Lascia un commento