Maran: “Vogliamo ripagare l’affetto e la fiducia dei tifosi”

Il tecnico Rolando Maran in conferenza stampa © foto Cagliari Calcio
Il tecnico Rolando Maran in conferenza stampa © foto Cagliari Calcio

a cura della redazione sportiva

Il Cagliari al terzo posto dopo i cinque gol segnati alla Fiorentina. “Nemmeno nei nostri sogni più rosei avrei potuto immaginare di essere così in alto in classifica”, dichiara il tecnico a fine partita, “Abbiamo al nostro fianco una città e un’Isola intera che ci stanno spingendo col loro impagabile sostegno. Noi cerchiamo di ripagare questa fiducia e quest’affetto. La Società è stata bravissima sul mercato, ha trovato gli elementi giusti in grado di rinforzare il gruppo. I risultati si vedono”.

GRINTA “Siamo partiti bene, con l’intensità e la ferocia giusta. Abbiamo ancora dimostrato di avere ambizione, voglia e di volerci sacrificare. Sono dettagli che ti portano ad essere ancora più consapevoli del tuo valore e che niente viene per caso. Oggi siamo stati bravi, la vittoria è arrivata attraverso il gioco, il modo di stare in campo, l’organizzazione. Ci siamo divertiti e anche io mi sono divertito a veder giocare la squadra. È stata una bella pagina da sfogliare, non deve mai mancare questa voglia di stupire, di crescere”.

ENTUSIASMO “Continuiamo come stiamo facendo, senza proclami. Cavalchiamo l’entusiasmo che ci circonda ma se iniziamo a pensare di rallentare, di essere più forti degli altri commetteremo un errore gravissimo. I ragazzi stanno dimostrando ogni giorno in allenamento una grande voglia di crescere e di superarsi. Per la nostra Società è l’anno del Centenario, viviamo l’avvenimento non come un peso o una responsabilità, ma come una opportunità, un impulso a fare sempre meglio”.

MARGINI DI MIGLIORAMENTO “Dobbiamo essere tormentati dal desiderio di volerci migliorare. Dev’essere uno stimolo continuo, nel momento in cui ci ferma iniziamo a regredire. Ad esempio, nella fase di gestione: non dobbiamo smettere di giocare, in Serie A ti puniscono subito, si è visto anche oggi contro la Fiorentina. Godiamoci il momento, sapendo di dover affrontare una sfida quotidiana contro noi stessi”.

IL MERITATO RIPOSO “Dispiace un pochino doverci fermare, ma guardiamo i lati positivi. Avremo la possibilità di lavorare in un certo modo, ricaricare le batterie; alla ripresa ci aspetta un filotto di sei partite in ventotto giorni, dovremo farci trovare pronti”.

fonte: CagliariCalcio.com

Lascia un commento