Vulcano festeggia il numero 100 della rivista

Il selfie dei Sindaci con il direttore Sandro Bandu. In basso alcuni momenti della manifestazione. Le foto sono di Tomaso Fenu

A cura della redazione di Vulcano

Venerdì 28 luglio è una data importante per il nostro periodico: è il giorno in cui è stato pubblicato il numero 100 della nostra rivista.

Tutto è iniziato alla fine del 1995: 23 anni di passione, di dedizione e di prendersi cura del nostro territorio, raccontando e approfondendo temi di politica, cultura, attualità e sport.

L’ARCI Bauhaus, nostro editore, è la redazione di Vulcano hanno voluto festeggiare questo evento organizzzando una conferenza giornalistica, invitando tutti i sindaci dei paesi che abbracciamo e che non sono voluti mancare a questo appuntamento. Erano presenti i primi cittadini di Decimomannu con la sindaca Anna Paola Marongiu, di Uta con il sindaco Giacomo Porcu, di Decimoputzu con il sindaco Alessandro Scano, e il sindaco di Villaspeciosa Luca Melis. Mancavano, per impegni istituzionali improrogabili, la sindaca di Assemini, Sabrina Licheri, e il sindaco di Villasor, Massimo Pinna.

La sindaca di Decimomannu, Anna Paola Marongiu, ha voluto omaggiare la Redazione di Vulcano con un quadro ricordo, nel quale vi sono le testuali parole: “L’amministrazione Comunale di Decimomannu esprime vive Congratulazioni e sentiti ringraziamenti a tutto lo Staff della Redazione di Vulcano per la costante attività giornalistica prestata come messaggero di informazione e cultura al servizio della nostra comunità”.

Dopo i saluti della presidente dell’Arci Bauhaus, Patrizia Fonnesu, è stata la volta dei saluti dei primi cittadini che hanno aperto la conferenza “100 volte Vulcano”, alla quale hanno preso parte anche i giornalisti Gianluigi Pala e Lorenzo Ena dell’Unione Sarda, Alessio Caria della redazione Vulcano e lo stesso direttore Sandro Bandu.

Sono stati ricordati dal direttore Sandro Bandu, gran parte dei giornalisti, anche penne di spicco, che hanno collaborato e reso grande il nostro periodico e sono stati svelati alcuni anedotti, alcuni inediti, che hanno fatto la storia di Vulcano.

L’Arci Bauhaus e la Redazione di Vulcano ringraziano il numeroso pubblico che ha partecipato ai festeggiamenti e rinnova il proprio impegno con gli affezionati lettori.

Lascia un commento