Decimomannu ambiente: le discariche a cielo aperto che deturpano le nostre campagne. Video intervista ai responsabili dell’OdV Habitat Italia

 

di Sandro Bandu

 

In attesa del prossimo numero di Vulcano, il numero 107, vi presentiamo in anteprima la video intervista ai dirigenti dell’Organizzazione di Volontariato Habitat Italia di Decimomannu, Efisio Pili e Gino Floris, con i quali siamo andati a fare una ricognizione su alcune zone rurali del nostro paese. Abbiamo trovato una situazione a dir poco devastante: cumuli di rifiuti indifferenziati, lastre di eternit, vetro, frigoriferi e soprattutto tracce di roghi che testimoniano l’azione incivile e irresponsabile di veri e propri delinquenti che così facendo mettono a rischio il nostro ambiente, la nostra aria e la salute di tutti noi.

Gino Floris ed Efisio Pili dell’Habitat Italia

Abbiamo visitato le località di “Su Spainadroxiu”, “Su Strintu” fino ad arrivare a “Su Meriagu” dove vi è lo splendido laghetto del fiume “Flumineddu” popolato da anatre selvatiche, dall’airone cinerino, dalle garzette e da tanta altra fauna selvatica.

Ma la guerra è impari, i malfattori persistono e non demordono, consci del fatto che le risorse per la vigilanza sono irrisorie e che il Comune non può fare più di tanto; anche se d’ora in poi saranno posizionate, nei punti strategici, delle foto trappola che cercheranno di cogliere sul fatto i cittadini più incivili.

 

 

L’assessore comunale all’Ambiente, Massimiliano Mameli
La Capitana della Polizia Locale di Decimomannu, Monica Loi

Non solo, si cerca la collaborazione di tutti i cittadini per segnalare le situazioni più critiche di degrado e di cercare di potenziare la vigilanza del territorio, che oggi viene garantita solo grazie all’azione delle Organizzazioni di Volontariato come l’Habitat Italia di Decimomannu, che in questi ultimi anni hanno lavorato per noi, per il nostro ambiente e una piccola luce per il ripristino della legalità già si intravede: solo lo scorso anno, decine di cittadini incivili e ditte poco serie sono state denunciate e sanzionate.

Non perdetevi pertanto il prossimo numero di Vulcano in imminente uscita.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *