Cagliari, insediato il nuovo Consiglio metropolitano

Il sindaco Paolo Truzzu con i 14 neo consiglieri - © foto Città Metropolitana di Cagliari
Il sindaco Paolo Truzzu con i 14 neo consiglieri – © foto Città Metropolitana di Cagliari

a cura della redazione

Si è insediato ieri a Palazzo Regio il nuovo Consiglio metropolitano. Il voto del 10 novembre scorso è stato convalidato dalla stessa Assemblea, presente in aula nella sua totalità.

«Sarà un Consiglio che terrà conto delle esigenze di tutti i 17 Comuni», ha dichiarato il sindaco Paolo Truzzu in apertura della seduta di insediamento del nuovo organo di indirizzo e controllo della Città Metropolitana di Cagliari. 

Il primo cittadino metropolitano e del capoluogo ha poi augurato a tutti buon lavoro, prima di cedere la parola ai 14 neo consiglieri. Numerosi gli interventi nel corso della seduta. A parlare per prima Rita Murgioni, l’unica donna entrata a far parte del Consiglio in rappresentanza di Quartu Sant’Elena, uno dei cinque seggi conquistati dalla lista di centrosinistra.

La maggioranza in Consiglio metropolitano spetta al centrodestra con 8 seggi; gli eletti sono Roberto Mura, Antonello Floris, Alessandro Balletto, Umberto Ticca (Cagliari), Francesco Magi (Capoterra), Damiano Paolucci (Quartucciu), Ignazio Tidu (Monserrato) e Martino Sarritzu (Quartu). Nei banchi del centrosinistra, assieme a Rita Murgioni, siedono Francesco Lilliu (Selargius), Guido Portoghese, Matteo Massa (Cagliari) e Stefano Atzori (Settimo San Pietro). L’unico seggio conquistato dai cinquestelle è quello di Sandro Sanna (Assemini).

Quello appena eletto è il terzo Consiglio metropolitano dall’istituzione del nuovo ente che nel 2016 ha preso il posto della Provincia di Cagliari. Nei prossimi giorni il sindaco Truzzu affiderà le deleghe ai consiglieri.

Nel corso della seduta il Consiglio ha approvato una variazione del Bilancio di previsione finanziario 2019/2021, riguardante i settori idrico e viario, istruzione e servizi alla persona, pianificazione territoriale e progetti comunitari, direzione generale ed edilizia scolastica.

Lascia un commento