Cagliari, parla Maran: «In campo tutte le nostre energie, daremo il massimo»

Giorno di vigilia per il Cagliari di Rolando Maran in questo periodo particolare per la squadra e per tutto il calcio italiano (cinque gli incontri del prossimo turno rinviati a causa dell’emergenza Coronavirus). I rossoblù sono in crisi di risultati e vedono allontanarsi l’obiettivo Europa. Domani in casa contro la Roma (Sardegna Arena, ore 18) l’occasione del riscatto. 

Ecco le parole del tecnico Maran dal Centro Sportivo “Asseminello”.

RINVII «Dispiace, ma la decisione di rinviare le partite è giusta. Certo, recuperare così tardi potrebbe influenzare l’andamento del campionato. È un momento particolare per tutti. La vigilia di Verona è stata surreale, fino all’ultimo non conoscevamo le decisioni ufficiali. Un’ora dopo essere andati a dormire ci siamo ritrovati, in piena notte, a discutere di tutte le eventualità».

LA SETTIMANA «Al rientro da Verona eravamo più esausti di quando giochiamo, ma questa settimana abbiamo lavorato bene e abbiamo recuperato. Siamo carichi e metteremo in campo tutte le energie a disposizione. Solo dando il massimo le nostre possibilità aumentano».

IL GIOCO «Rispetto al passato abbiamo perso qualcosa in termini di brillantezza, ma stiamo provando a reagire. Lasciamo troppo campo agli avversari, dobbiamo migliorare. Domani non dobbiamo farci assalire dall’ansia, dobbiamo pensare a noi stessi e non a quello che fanno gli altri».

LA ROMA «Avranno tanto entusiasmo trasmesso dal passaggio del turno in coppa. Hanno esterni d’attacco che possono variare e un grande potenziale offensivo. È una squadra che subisce poco e ha grande fisicità, dovrebbe stare un po’ più avanti in classifica.».

ASSENTI «Non ci saranno Faragò, Ceppitelli per infortunio e Nandez che è squalificato. Ceppitelli? È una situazione non semplice, sta facendo il massimo per tornare. Purtroppo il dolore non passa quando carica, per lui questo è devastante».

RECUPERI «Per Cacciatore e Rog è stato positivo avere una settimana in più per recuperare, la loro presenza è fondamentale. Tutti devono sentirsi comunque importanti e capire che il bene del Cagliari viene prima di tutto. Il lavoro di queste due settimane mi ha permesso di vedere grande voglia e senso di responsabilità da parte di tutti».

I SINGOLI «Pereiro? È un giocatore molto offensivo, ha caratteristiche simili a Nainggolan e Joao Pedro. Potrebbero giocare tutti insieme, ma domani la squadra dovrà avere grande equilibrio. Paloschi? Deve sempre farsi trovare pronto e mettermi in difficoltà». 

L’INTERVISTA DEL PRESIDENTE «È innamorato di questa squadra e trova spesso le chiavi giuste per far passare alcuni messaggi. Come dice giustamente lui, dobbiamo essere una squadra feroce: conta anche vincere giocando male».

LA PANCHINA «La stima del proprio datore di lavoro e l’affetto dei tifosi sono la cosa più importante per un allenatore. Non riuscire a ripagare tutto questo è il mio dispiacere più grande. Voglio dare al Presidente e alla città quello che meritano».

a cura della redazione sportiva

L'allenatore del Cagliari Rolando Maran - © foto Cagliari Calcio
© foto Cagliari Calcio
I CONVOCATI

Maran deve fare a meno degli infortunati Faragò e Ceppitelli e dello squalificato Nandez. Convocati i Primavera Carboni e Ladinetti.

Ecco l’elenco completo dei 23 convocati:
Portieri: Rafael, Cragno, Olsen
Difensori: Mattiello, Cacciatore, Klavan, Pisacane, Lykogiannis, Pellegrini, Carboni, Walukiewicz
Centrocampisti: Nainggolan, Rog, Cigarini, Birsa, Oliva, Ionita, Ladinetti
Attaccanti: Paloschi, Joao Pedro, Pereiro, Ragatzu, Simeone

Lascia un commento