Maran: «Diamo continuità al pareggio con l’Inter»

L'allenatore del Cagliari Rolando Maran - © foto Luca Pes
© foto Luca Pes

Meno uno a Cagliari-Parma. Il tecnico rossoblù, Rolando Maran, ha incontrato la stampa in occasione della consueta conferenza della vigilia. 

AVVERSARI «Incontriamo una squadra che ha gli stessi nostri punti e ha dimostrato con un mercato importante di avere ambizioni. Sa far giocare male gli avversari, sporca il gioco delle squadre che incontra. Servirà tanta pazienza, bisognerà tirar fuori il meglio di noi stessi. Il Parma ha un organico che può mettere in difficoltà chiunque. Dobbiamo aspettarci una squadra organizzata. Non andiamo a vedere le assenze in casa loro».

OBIETTIVI «Più che guardare la classifica, mi sono concentrato sulla continuità di risultati. Dobbiamo andare in campo con la gioia di fare grandi prestazioni». 

LA SFIDA DI SAN SIRO «È un’ulteriore conferma che abbiamo ripreso la strada giusta. Quando recrimini sugli episodi ma torni con un risultato positivo significa che hai fatto una gara di grande personalità».

CONVOCATI «Non ho ancora fatto la lista perché è ancora tutto in divenire. Ci siamo allenati con i giocatori che ho a disposizione. Stasera vedremo quanti uomini dovrò contare». 

MODULO «Questa settimana abbiamo lavorato sia sulla difesa a 3 che a 4. Oliva e Walukiewicz si sono fatti trovare pronti, sono in lotta con gli altri per un posto. Hanno dimostrato che possono far bene quanto gli altri, questo mi offre la possibilità di poter gestire le partite in diversi modi. Il modulo usato a Milano si può usare anche in casa. Non è stata soltanto una scelta per schierarci in modo speculare». 

MERCATO «Preparare una gara importante col mercato aperto? Non vedo dei pro, per un allenatore complica parecchio le cose. La cosa importante è l’ulteriore risposta che mi hanno dato i ragazzi in allenamento, spinti anche dalla prestazione di Milano». 

I SINGOLI «Nandez? Ero felice dei giocatori che avevo, Nahitan era uno di questi. La rosa mi ha dato garanzie. Rammarico per come è andata a finire con Castro? Avrei piacere a rispondere a questa domanda ma la situazione è in divenire. Non ci sono ancora notizie ufficiali».

SIMEONE «Sono felice per la grande prestazione di Milano. Ha lottato e sono contento di quello che sta facendo, il gol è una conseguenza. Aiuta molto la squadra, non si deve preoccupare». 

MATTIELLO «Il ragazzo ha avuto una serie di infortuni nel corso del girone di andata. A Milano gli ho dato una possibilità e si è fatto trovare pronto. Deve avere continuità negli allenamenti». 

CRAGNO «Domani sarà nuovamente in campo dall’inizio. Ha ritrovato la porta e voglio dargli continuità, ma non voglio parlare di titolari».

Alessio Caria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.